L’eredità sammarinese di Benedetto XVI

Si domanderanno «Quale eredità a cinque anni dalla storica visita di Benedetto XVI alla Diocesi di San Marino-Montefeltro?» i relatori del convegno che si terrà venerdì 3 giugno alle 21alla sala «Montelupo» di Domagnano, con l’introduzione di Mons. Andrea Turazzi, vescovo della diocesi di San Marino-Montefeltro.

Il passaggio di Papa Ratzinger a San Marino ha lasciato vividi ricordi nella Repubblica, e temi da affrontare ancora oggi, così la Diocesi desidera offrire alcune occasioni per far memoria di quell’avvenimento storico che ha lasciato un segno indelebile nella comunità, non solo dei credenti.

In particolare dalla Diocesi si sottolineano alcune parole pronunciate allora da Benedetto XVI: «…la ricchezza di questo popolo, la vostra ricchezza, cari Sammarinesi, è stata ed è la fede, e che questa fede ha creato una civiltà veramente unica. […] «Esorto tutti i fedeli ad essere come fermento nel mondo, mostrandovi sia nel Montefeltro che a San Marino cristiani presenti, intraprendenti e coerenti» e ai giovani a Pennabilli: «… il vostro cuore è una finestra aperta sull’infinito! Questa è la grandezza dell’uomo e

anche la sua difficoltà».

L’incontro pubblico di venerdì 3, dopo l’introduzione del vescono, vedrà gli interventi di Mons. Luigi Negri (Arcivescovo di Ferrara-Comacchio e Abate di Pomposa), Mons. Elio Ciccioni (Vicario Generale Diocesi San Marino-Montefeltro), Maria Luisa Berti (Capitano Reggente in carica durante la visita) e Filippo Tamagnini (Capitano Reggente in carica durante la visita), con la moderazione del giornalista Paolo Facciotto.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *