Si faceva timbrare il cartellino dai colleghi: condannata

corruzione mose

Una condanna a 2 anni e 6 mesi oltre a 600 euro di multa per truffa allo Stato.

Questa la decisione del giudice Roberto Battaglino che lunedì mattina ha condannato Daniela Mainardi per essersi fatta timbrare il cartellino da alcuni colleghi di ufficio mentre poi arrivava in ritardo o usciva prima.

Sei gli episodi contestati alla ex dirigente dell’Ufficio spedizioni. Il procuratore del Fisco aveva chiesto una pena di alcuni mesi inferiore, ma il giudice ha deciso di essere più severo. La donna in aula aveva ammesso le proprie responsabilità.

Il processo, che ha visto anche la costituzione dello Stato parte civile, ma non si può dire certo concluso.

Il giudice infatti ha disposto la trasmissione degli atti nuovamente in istruttoria al magistrato inquirente per valutare eventuali responsabilità di altri dipendenti della PA.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *