Bufale contro Sanmarinonews.sm, ecco la verità

La verifica delle notizie è alla base di ogni attività giornalistica, sempre e comunque. Non c’è eccezione che possa superare questa regola.

Eppure ogni tanto, per non dire spesso, sembra che avvenga proprio il contrario. Anche tra chi si erge a paladino della Verità. Eppure così non è e siccome a Sanmarinonews.sm sappiamo di cosa parliamo, soprattutto quando i fatti e le “bufale” circolanti, riguardano noi stessi, riteniamo sia ora di fare un po’ di chiarezza.

– La testata on line d’informazione “Sanmarinonews.sm” è edita da Media Romagna – cooperativa con sede a Ravenna, in Italia. Sanmarinonews.sm è nata il 15 marzo 2016, in un periodo ben precedente a qualsiasi ipotesi concreta di crisi di governo e di elezioni anticipate e quindi non è una testata nata a ridosso delle consultazioni sammarinesi del 20 novembre scorso. Sanmarinonews.sm ha un direttore responsabile (Manuel Poletti, giornalista professionista in Italia) e una squadra di giornalisti tutti regolarmente contrattualizzati con Media Romagna.

– Elezioni: Sanmarinonews.sm ha cercato di dare spazio a tutti i soggetti coinvolti nella campagna elettorale, anche nei confronti di chi si è sempre rifiutato di inviare comunicati, convocazioni di conferenze stampa o convegni o di rilasciare interviste, nonostante le nostre numerose richieste. Vero è che Sanmarinonews.sm ha espresso, attraverso alcuni articoli di analisi e di opinione, valutazioni positive nei riguardi di alcune forze in campo rispetto ad altre. Una libera scelta editoriale, legittima e ben argomentata, alla quale spesso non si è replicato nel merito, ma con strumentali polemiche e anche campagne denigratorie.

– Sondaggio: Sanmarinonews.sm ha svolto sondaggi elettorali commissionandoli alla principale società italiana in indagini demoscopiche (Doxa), per aumentare in tempi rapidi la propria visibilità nel mercato editoriale Sammarinese. E’ stato un ottimo investimento, visto l’eco che anche in questi ultimi giorni ha avuto il sondaggio.

Anche in questo caso però, contrariamente a quanto si legge in questi giorni, la cifra impiegata per sostenere tale spesa non è mai stata comunicata ufficialmente dal nostro direttore ad alcuna testata (italiana o sammarinese) ed è comunque inferiore ai 30mila euro indicati in alcuni articoli. L’attendibilità del sondaggio si è manifestata evidentemente nel risultato elettorale, con la vittoria pronosticata della coalizione Adesso.sm.

– Pubblicità: Ci teniamo ad evidenziare che Sanmarinonews.sm, come le altre realtà editoriali edite da Media Romagna, sulla pubblicità fa scelte etiche importanti. Per esempio non vi si troveranno mai sponsorizzazioni e promozioni del gioco d’azzardo, di giochi della sorte, casinò o poker on line, night, locali hard, ecc.

– Contributi pubblici editoria Italia: i contributi all’editoria previsti dalla normativa italiana (decreto Peluffo 2012) da parte di Media Romagna riguardano l’attività relativa al settimanale “Setteserequi” e su quella testata tali contributi sono stati reinvestiti.

Speriamo di aver fatto un po’ più di chiarezza, dopo giorni di “bufale” clamorose.

r.p.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *