Asset, scattano i primi licenziamenti: a casa gli ex vertici

asset banca

La vicenda Asset Banca, sotto commissariamento da oltre un paio di mesi si arricchisce di un ulteriore capitolo.
Sarebbero infatti partite le prime lettere di licenziamento, e i destinatari al momento sarebbero proprio gli ex vertici.

Tra coloro che avrebbero ricevuto le lettere di interruzione del rapporto di lavoro ci sarebbero Maria Pia Tura, che era stata nominata direttore generale dopo la sospensione degli ex vertici, e -a quanto riporta il quotidiano l’Informazione – anche gli stessi ex presidente ed ex Dg Stefano Ercolani e Barbara Tabarrini.

Intanto, l’ex presidente Alessandro Brusi ha inviato una comunicazione ai media dove ribadisce di avere sempre operato nel rigoroso rispetto delle normative.

Ecco il testo della missiva:

Lo scrivente Brusi Alessandro già Presidente del CDA di Asset Banca, sospeso con l’intero Consiglio senza motivazione lo scorso febbraio, ha sempre operato nel rigoroso rispetto delle normative. Quale professionista con riconosciute competenze e lunga esperienza, guidato dal rispetto delle istituzioni, dal dovere professionale e nella massima trasparenza, non accetta né le paventate generiche accuse di illegalità, né il grave deterioramento della Banca che invece è stato determinato dalla conduzione del commissariamento, né il deficit di capitale, capitale che pur era nelle intenzioni degli Azionisti rafforzarlo infatti da febbraio scorso ne è stata impedita la realizzazione fin dal pre-commissariamento e successivo commissariamento.
Addolora da italiano che ha agito con la massima onestà per la Repubblica, le Imprese ed i cittadini essere denigrato. Occorrendo mi tutelerò nelle opportune sedi a difesa della mia onorabilità e professionalità.

Sulla vicenda Asset c’è da registrare inoltre, l’incontro di ieri tra i dipendenti dell’istituto di credito e una delegazione di governo in merito al loro futuro. L’esecutivo ha assicurato l’impegno per preservare i posti di lavoro. E anche dalla maggioranza arrivano rassicurazioni sul piano occupazionale.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *