Carisp, Giorgetti replica alla denuncia dell’ex Cda e annuncia azioni a sua tutela

roberto Giorgetti

“In relazione alla notizia apparsa in data odierna, diffusa da diversi organi di informazione e così intitolata: Roberto Giorgetti (Repubblica Futura) querelato da ex membri del CdA della Cassa di Risparmio, a tutela della mia onorabilità e per dovere di verità, comunico e rappresento di non aver ricevuto avviso di garanzia da parte del Tribunale sammarinese in ordine ad una querela asseritamene presentata nei miei confronti da chicchessia e tantomeno da ex membri del Consiglio di Amministrazione della Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino”.

Così la nota poco fa con cui il capogruppo di RF replica agli ex membri del Cda che questa mattina per conto dell’avvocato Alessandra Greco avevano comunicato di aver citato in giudizio il consigliere di RF.

“Egualmente – replica Giorgetti – a tutela della mia personale onorabilità oltre che della onorabilità della Rappresentanza Consigliare- Repubblica Futura, di cui sono Capogruppo e che è a me associata nella notizia riportata, rappresento d’aver incaricato oggi stesso di verificare l’esistenza di querela a mio carico e/o di iscrizione nel registro delle notizie di reato egualmente a mio carico così, come riportata nella notizia divulgata a mezzo stampa, presso il Tribunale Unico della Repubblica di San Marino. All’esito della suddetta verifica sortiranno le doverose iniziative volte alla tutela dell’onorabilità per la diffusione di notizia falsa ovvero di eventuale divulgazione di notizie assoggettate a riservatezza o comunque segretezza”.

“E’ mio fermo intendimento – aggiunge Giorgetti – provvedere in ogni sede alla tutela della mia onorabilità. Preme evidenziare che le affermazioni riportate dalla notizia di stampa con virgolettato, seppure non attribuibili con certezza, si riferiscono al confronto politico avvenuto nel corso di trasmissione televisiva relativa alla situazione del sistema bancario e finanziario fra i Rappresentanti Consigliari di due partiti politici; non può pertanto sottacersi che la diffusione della notizia di cui sopra, in quanto ingenerata nel solco di un confronto politico, sembri manifestare i connotati del condizionamento politico che, in quanto tale, in questa sede si censura”.

“Rispetto a quanto è consentito comprendere dalle scarne note riportate – conclude l’esponente di RF -, i querelanti, ovvero alcuni degli ex componenti il Consiglio di Amministrazione dei Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino, stigmatizzino eventuali ed ipotetici danni asseritamene cagionati alla Cassa di Risparmio; si osserva che non risulta che alla data della trasmissione essi avessero più ruolo alcuno di rappresentanza oltre che di amministrazione della stessa. Mi riservo ogni più opportuna iniziativa, anche legale, conseguente”.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *