Banca Cis diventa di proprietà del saudita Mohamed Ali Turki

Foto Giornalesm.com

La proprietà di Banca Cis passa nelle mani del saudita Mohamed Ali Turki.

È lo stesso istituto di credito infatti a confermare la sottoscrizione del “contratto per la cessione della partecipazione in Banca CIS tra la società Leiton Holding, rappresentata dall’ingegnere Marino Grandoni e dal dottore Daniele Guidi, e l’ingegnere Mohamed Ali Turki, imprenditore saudita titolare dell’omonimo gruppo industriale attivo in numerosi paesi del Medio Oriente, Nord Africa ed Europa con investimenti nei settori della progettazione, costruzione, manutenzione ed assistenza di impianti di trattamento acque, desalinizzazione e petroliferi, tele
comunicazione, immobiliare, ristorazione e finanza. Lo annuncia in un comunicato lo stesso istituto di credito sammarinese. La sottoscrizione del contratto è avvenuta ieri nella sede di Banca CIS alla presenza di rappresentanti dei governi di Arabia Saudita, Egitto, Turchia e Bahrein nonché di numerosi ospiti e partners della famiglia Turki.

L’operazione è subordinata all’autorizzazione di Banca Centrale della Repubblica di San Marino. La firma definitiva dell’accordo, dichiara l’istituto di credito sammarinese, è “il risultato di un importante processo di valutazione che ha confermato la solidità dell’azienda, la qualità dell’organizzazione e l’alta professionalità del management che consentiranno a Banca CIS di approcciare il mercato internazionale”. Peraltro la conclusione dell’accordo è “un importante segnale di interesse per il nostro Paese e un passo concreto per la ripresa economica e l’internazionalizzazione del sistema finanziario”.
Banca Cis, era “nata dall’unione di Banca Partner con Credito Industriale Sammarinese, una delle 4 banche storiche della Repubblica di San Marino, attiva fin dal 1980”. La banca “ha un patrimonio di 43 milioni di euro” mentre la sua rete commerciale “è composta da 6 filiali, dislocate in Serravalle, Borgo Maggiore, Dogana e Rovereta; l’organico aziendale, invece, conta 90 dipendenti circa”.

La banca, “grazie alla sua esperienza e tradizione, si configura come un istituto all’avanguardia nel settore degli investimenti e del risparmio”. Competenza, riservatezza e solidità “sono i tratti che meglio caratterizzano la figura di questo istituto che, contraddistinto da una presenza radicata e strategica sul territorio di San Marino, tramite le sue filiali riesce a rispondere in modo tempestivo ed esaustivo alle esigenze della propria clientela” oltre ad operare “in diversi comparti anche sui mercati internazionali”.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *