Condannato per favoreggiamento, viene assolto in appello: “Il fatto non sussiste”

tribunale dissequestro

Era stato condannato in primo grado a due anni e due mesi, ma il giudice d’appello David Brunelli ha ribaltato la sentenza stabilendo che il “fatto non costituisce reato”.

Così a circa due anni e mezzo dopo la prima condanna arriva l’assoluzione per Mirco Mazzocchi il gendarme che svolgeva l’incarico di guardia carceraria e che avrebbe dovuto impedire agli allora “ospiti” del carcere dei Cappuccini Claudio Podeschi e Biljana Baruca di comunicare tra loro.

Mazzocchi si era sempre dichiarato innocente dall’accusa di favoreggiamento e aveva scontato anche più di due mesi di carcerazione preventiva in attesa del processo. Inoltre sosteneva che l’oggetto passato a Podeschi non era una ricetrasmittente, ma un carica-batterie per rasoio.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *