“Passaportopoli”, a giudicare non sarà il Commissario Felici

corruzione mose

Il processo “Podeschi Bis”, anche soprannominato “passaportopoli” poichè riguarda anche diverse nomine diplomatiche non sarà condotto dal Commissario della legge Gilberto Felici.

Il Giudice per i Rimedi Straodrinari, Vitaliano Esposito, ha infatti accolto l’astensione presentata dallo stesso Commissario Felici al quale era stato assegnato dal Dirigente Valeria Pierfelici, ai fini del dibattimento, il porcesso che nuovamente alla sbarra Claudio Podeschi, imputato assieme a Paul Phua, accusati di corruzione, e Biljana Baruca, accusata di riciclaggio ed emissione di fatture per operazioni inesistenti.

Il Giudice Felici aveva infatti già presieduto il processo sul “Conto Mazzini”, ed presentato istanza di astensione ritenendo che il giudizio già espresso su alcuni fatti oggetto del nuovo procedimento “potrebbe compromettere l’apparenza di terzietà che sempre contraddistingue la posizione e l’operato del giudice”. “L’esame obiettivo della situazione assume rilievo sotto il profilo dell’opportunità”, aveva rilevato il giudice Felici.

 

Ora il processo dovrà essere assegnato a un diverso giudice.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *