Caos targhe estere, anche l’Osla chiede una rapida soluzione

Con l’introduzione del decreto sicurezza, non possono più circolare in Italia auto con targa estera condotte da chi sia residente in Italia da più di 60 giorni. Oltre alla multa salata, scatta infatti anche la confisca del veicolo.

Una situazione che mette a rischio molti automobilisti con targa sammarinese, in quanto il Titano, non essendo un paese membro UE non rientra nelle eccezioni contemplate dal decreto.

E poiché funzionari della motorizzazione di San Marino, l’Ufficio Registro Automezzi, hanno già dichiarato alla TV di Stato che le radiazioni per esportazione per la prima volta stanno superando le nuove immatricolazioni, interviene ora anche l’associazione degli imprenditori.

In una nota l’Osla chiede interventi al governo.

OSLA – Organizzazione Sammarinesi degli Imprenditori – ritiene necessario trovare al più presto una soluzione con l’Italia al divieto di circolazione delle targhe estere in territorio italiano.

Le conseguenze di questo provvedimento infatti saranno molto gravi; tutti i mezzi di lavoro o comunque usati per l’attività aziendale, intestati a persone giuridiche sammarinesi, ma guidati da amministratori o dipendenti frontalieri corrono il rischio di essere sequestrati e ci stanno già arrivando segnalazioni in tal senso.

Apprezziamo l’interesse dimostrato dalla Segreteria di Stato per gli Affari Esteri e sosteniamo l’iniziativa istituzionale in corso, sollecitando una soluzione alla problematica che, se non verrà chiarita al più presto, avrà serie ripercussioni sull’attività lavorativa delle aziende sammarinesi.

 

 

Articoli correlati

2 Commenti

  1. augurto

    sono un pensionato e risiedo nelle marche al confine con san marino, non ho la possibilità di acquistare un’auto e saltuariamente chiedo in prestito il mezzo a mio figlio che è residente a san marino, ora mi chiedo, sarà giusto che per quelle poche volte che uso la sua auto debba rischiare la multa e il sequestro????? oppure, meglio ancora, se accompagno mio figlio al treno a rimini e poi vengo fermato sulla sua auto mentre torno a casa, che senso ha correre il rischio di venire fermato???? ma che leggi sono queste?????chi è la volpe che le ha trovate??????

    Reply
  2. augusto balzan

    sono un pensionato e risiedo nelle marche al confine con san marino, non ho la possibilità di acquistare un’auto e saltuariamente chiedo in prestito il mezzo a mio figlio che è residente a san marino, ora mi chiedo, sarà giusto che per quelle poche volte che uso la sua auto debba rischiare la multa e il sequestro????? oppure, meglio ancora, se accompagno mio figlio al treno a rimini e poi vengo fermato sulla sua auto mentre torno a casa, che senso ha correre il rischio di venire fermato???? ma che leggi sono queste?????chi è la volpe che le ha trovate??????

    Reply

Scrivi un Commento a augurto Cancella Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *