Targhe, il sottosegretario Rixi annuncia accordi con San Marino, Monaco e Svizzera

Un accordo bilaterale specifico per “salvare i frontalieri” nei problemi provocati dal decreto sicurezza in merito ai veicoli con targa estera guidati da italiani.

Le rassicurazioni arrivano dal sottosegretario ai trasporti Edoardo Rixi che in una dichiarazione al SecoloXIX spiega che il governo italiano “si prepara a correggere i ‘danni collaterali’ provocati dalla nuova legge che sanziona chi si mette alla guida di un veicolo con targa straniera, limitatamente ai frontalieri alla guida di auto aziendali del Principato di Monaco, Svizzera e San Marino per i quali la deroga per motivi di lavoro non è prevista dal decreto”.

L’annuncio è arrivato ieri a Sanremo da Rixi, che ha spiegato, riporta il quotidiano genovese “Stiamo verificando se è possibile con accordi bilaterali sistemare questo problema che è nato da un provvedimento correttissimo, perché in Italia tanti tenevano targa estera per non pagare. Abbiamo trovato molti dei paesi dell’est Europa che non avevano assicurazione né carte in regola e quando avvenivano gli incidenti era un problema enorme. Però è chiaro che per i Paesi ‘non Ue’ come Monaco, San Marino e la Svizzera si è aperto un tema che va affrontato e dipanato. Su questo ci stiamo muovendo anche con gli uffici e motorizzazioni insieme al ministero degli Interni”. Secondo Rixi “la modifica – riporta Il Secolo XIX – non sarà di carattere legislativo ma probabilmente di carattere sovranazionale. Si prevedono insomma accordi piuttosto che una norma generica che qualcuno potrebbe utilizzare in maniera impropria”.

La disposizione riguarderà quindi le aziende che hanno autisti italiani e con mezzi che si recheranno in Italia, e non i privati per i quali resterà vietato per chi è residente in Italia mettersi alla guida di un’auto con targa straniera, perfino se il proprietario residente all’estero è presente come passeggero.

Articoli correlati

1 Commento

  1. Giuliano Giacomoni

    faccio un esempio banale, se il propritario si sente male il passegero non può guidare la sua auto ….ma dove siamo finiti…

    Reply

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *