Liquidità dello Stato, PS denuncia: a dicembre resteranno 8,6 milioni

tardiva soddisfazione

Un mese e tredici giorni per rispondere all’interpellanza presentata dai consiglieri  Alessandro Mancini e Denise Bronzetti sullo stato della liquidità e sulle previsioni per i prossimi mesi .

Lo scorso 30 aprile la risposta, seppur parziale, con i relativi allegati è stata trasmessa ed è del tutto evidente il perché il Governo della trasparenza abbia fatto passare 44 giorni prima di rendere pubblico quanto richiesto.

Tutti quanti ricordiamo quando durante il dibattito sul decreto della Patrimoniale dello scorso novembre, il Segretario alle Finanze  indicò alla sua maggioranza di respingere un emendamento delle opposizioni che chiedeva di posticipare di soli 20 giorni il pagamento della imposta straordinaria, ammettendo candidamente che non era possibile in quanto lo stato della liquidità non permetteva di poter pagare le “tredicesime” senza che prima non fosse stata incassata la patrimoniale.

Purtroppo il segretario Guidi non aveva fatto una “gaffe” come si pensava visto il suo arrivo da pochi giorni al vertice della Segreteria di Stato del dopo Celli, ed i dati oggi a disposizione ci confermano quello che il Governo ha cercato in tutti i modi di tenere nascosto :

Il saldo previsto a dicembre 2019 al netto delle entrate e delle uscite è di soli 8.651.050,80 euro.

Il peggior dato degli ultimi 5 anni!  –  Nel dicembre 2016  c’erano oltre 25 milioni di euro .

Sono del tutto evidenti gli effetti della inesistente politica economica e di gestione delle risorse da parte del governo di Adesso.SM con un  impatto estremamente negativo sul bilancio dello stato.

I gravi errori commessi nel comparto bancario e finanziario con l’inevitabile perdita di fiducia nel sistema, la contrazione dei consumi, nessuna azione veramente concreta di revisione della spesa per liberare risorse  ma soprattutto l’assenza totale di provvedimenti legislativi o atti normativi collegati ad un progetto di sviluppo sono sotto gli occhi tutti e i dati di questa interpellanza  purtroppo certificano un Paese in grosse difficoltà che ha bisogno di un cambio di rotta il prima possibile, cambio di rotta che non potrà certamente avvenire con il Governo di Adesso.SM.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *