Conclusione della 141^ Assemblea UIP

Al termine dei lavori della 141 Assemblea dell’Unione Interparlamentare svoltisi a Belgrado, sono state adottate la risoluzione – proposta dal parlamentare indiano Patra – per il cambiamento climatico con la volontà di reagire prontamente ai rischi ed ai pericoli ad esso connessi, nonchè la risoluzione per l’attuazione della Copertura Sanitaria Universale entro il 2030 e sul ruolo dei parlamenti per garantire il diritto alla salute.
La delegazione consiliare sammarinese ha preso parte ai lavori della Commissione che ha esaminato la risoluzione mirante a garantire il diritto alla salute a tutela delle categorie più deboli (donne e bambini), delle zone più indigenti del mondo e che vivono ancora oggi in condizioni assolutamente precarie. E’ stata altresì approvata la dichiarazione dell’UIP in occasione del 30° anniversario dell’adozione della convenzione sui diritti dei bambini.
Nel corso del dibattito generale, per San Marino è intervenuta il Capodelegazione Marica Montemaggi che ha portato all’attenzione dell’Assemblea le iniziative che il nostro Paese promuoverà sul piano della cooperazione tra parlamenti – in primis lo svolgimento in Repubblica della prossima Assemblea Autunnale dell’OSCE PA – ribadendo altresì l’impegno che da sempre contraddistingue San Marino nella ricerca continua e costruttiva del dialogo tra Paesi, necessario per una pacifica convivenza. Oggi più che mai, tutti i Paesi, grandi o piccoli che siano, devono lavorare assieme per poter raggiungere uno stato di sviluppo sostenibile che non può prescindere dal raggiungimento della pace e dal superamento dei conflitti. L’obiettivo è quello di addivenire alla fattiva attuazione, attraverso le legislazioni di ogni Paese membro, degli accordi internazionali.
Il dibattito generale si è concluso con l’adozione della Dichiarazione di Belgrado sul ruolo dei parlamenti e sul contributo della cooperazione regionale per il rafforzamento del diritto internazionale.
Grande rilevanza è stata attribuita alla cosiddetta Politica del futuro: oggi abbiamo la più elevata percentuale di popolazione giovane nella storia, considerato che l’età media di 1,8 miliardi di abitanti del pianeta è compresa tra i 10 ed i 24 anni; ciò nonostante, i giovani di oggi corrono il forte rischio di non avere le stesse opportunità dei propri genitori. E’ pertanto giusto e ragionevole far sì che giovani e adulti possano lavorare insieme per la risoluzione dei problemi. A tal proposito sono stati premiati i Paesi e le organizzazioni che hanno adottato le migliori politiche giovanili, tra cui la Scuola del Consiglio d’Europa, il Nepal e l’Estonia.
A margine dei lavori assembleari si sono svolti importanti appuntamenti come quello promosso dal Forum delle donne parlamentari #NotInMyParlament durante il quale i delegati hanno potuto confrontarsi sulle misure più efficaci per prevenire le molestie sessuali ai danni delle donne parlamentari, le quali hanno diritto di contare su efficaci normative di tutela nei loro confronti.
La prossima Assemblea dell’Unione Interparlamentare si terrà a Ginevra il prossimo aprile 2020.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *