Baltic Way: 30 anni dopo

La Scuola Secondaria Superiore ha ospitato oggi presso l’Aula Magna l’evento commemorativo dei 30 anni della Baltic Way, la straordinaria catena umana che il 23 agosto 1989 ha unito due milioni di persone in Estonia, Lettonia e Lituania, tenendosi per mano e rafforzandosi per un obiettivo comune: ripristinare l’indipendenza dei loro Paesi.

L’iniziativa è stata promossa dalle Ambasciate delle tre Repubbliche accreditate a San Marino, i cui Ambasciatori, personalmente convenuti sul Titano, hanno sottolineato il particolare significato dell’evento e l’opportunità di far conoscere la loro campagna per la libertà.

La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri ha offerto ampia disponibilità ad accogliere un’iniziativa che vuol richiamare i valori fondamentali della democrazia e della libertà, soprattutto nel dialogo con le nuove generazioni, in un’epoca in cui la libertà può sembrare scontata.

L’evento, moderato dall’Ambasciatore presso le tre Repubbliche, Silvia Berti e salutato positivamente dal Preside della Scuola Secondaria Superiore, Giacomo Esposito, è stato introdotto dal Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Nicola Renzi che, tra l’altro, ha ricordato come la Repubblica di San Marino rappresenti un simbolo di protezione di tali valori, che sono alla base anche della sua stessa identità.

Renzi ha altresì sottolineato come ai giorni nostri tendiamo ad inquadrare l’idea della connessione e del collegamento legata soltanto alla tecnologia e non, come l’esperienza della Via Baltica ha dimostrato, attraverso una più effettiva connessione tra persone, tra cittadini e, dunque, fra esseri umani.

La commemorazione, oltre a dar spazio alle testimonianze dei diplomatici delle Repubbliche coinvolte, ha alternato immagini della catena umana e proiezioni di video emozionanti e con finalità documentaristica, che hanno consentito ai giovani studenti del V anno della Scuola Superiore, di venir direttamente a conoscenza di una pagina storica relativa ai loro programmi annuali e, a contempo, del forte anelito di libertà di cittadini impegnati nella ricerca di un futuro di indipendenza attraverso percorsi rispettosi dei diritti e delle altrui libertà.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *