«Nessun Dorma» a Riccione

Sarà molto libera l’interpretazione che la compagnia Kinkaleri darà del classico pucciniano «Turandot» domenica 2 febbraio alle 16.30 allo Spazio Tondelli di Rimini. Il «Nessun dorma» della compagnia, infatti, vedrà in scena Yanmei Yang e Marco Mazzoni, alle prese con questo capolavoro incompiuto del melodramma, dove una gelida principessa cinese sfida l’amore dei suoi pretendenti, promettendo la morte a chi non sarà in grado di risolvere tre quesiti. Calaf, principe decaduto, tenta comunque la terribile impresa. Questa fiaba struggente di amore e morte viene raccontata da Kinkaleri, compagnia tra le più innovative del teatro italiano, in una forma inedita che unisce cantato e video, sagome e disegni, indovinelli e travestimenti, colpi di scena e immaginazione. A mano a mano si fa più chiaro il premio a cui aspira l’eroe: non un successo effimero, ma la conquista dell’amore. “All’alba vincerò” canta Calaf in uno splendido artificio che mescola musica, recitazione e scena, mentre il canto lirico dell’algida Turandot esalta la fisicità, l’estensione della voce come strumento espressivo. L’opera si sviluppa in tutta la sua grandezza, seppur minimale, preservando la naturale disposizione epica del melodramma. Il risultato è una storia avvincente e magica di musica, parole, disegni e silenzi: un’opera lirica per un pubblico di tantissime età, con cui Kinkaleri inaugura una trilogia di spettacoli sul genio di Puccini.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *