Riflessioni sull’uso del digitale anche per le nostre istituzioni

Siamo convinti che in questo momento la salute e la sicurezza vanno poste al primo posto di ogni priorità, ma d’altra parte la democrazia, il confronto parlamentare e il funzionamento degli organismi istituzionali non possono essere sospesi. Per questo motivo siamo soddisfatti che le proposte avanzate negli scorsi giorni anche dal gruppo consigliare di Libera siano state accolte e con tutte le precauzioni dovute sia stata convocata la sessione di aprile del Consiglio Grande e Generale: spazi più ampi al Kursaal per garantire il distanziamento e test sierologico a tutti.

Temiamo però che la soluzione adottata ad oggi non sia pienamente efficace e non garantisca la completa partecipazione.
Noi crediamo che tutti i Segretari di Stato e consiglieri debbano essere messi nelle condizioni di poter intervenire e partecipare ai lavori consiliari.

L’emergenza attuale ha ridefinito le forme del dialogo, si sono implementate le video-conferenze, l’uso dello streaming e persino le misure adottate dal governo hanno consentito la validità legale delle assemblee celebrate in videoconferenza. Il Parlamento Europeo, per fare un esempio, lavora in questi giorni a distanza e con voto elettronico.

Crediamo quindi che anche il nostro organo parlamentare abbia il dovere di adeguarsi a questa nuova realtà sia per garantire la piena espressione di ogni singolo membro del Congresso o consigliere, sia per tutelare la salute di tutti attraverso l’uso delle nuove tecnologie che, specialmente in tempi di Covid-19, stanno aiutando la vita quotidiana di ogni cittadino e che deve essere d’aiuto anche per le nostre istituzioni.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *