Intterpellanza di RF su remissione querela

Presentata dal Gruppo consiliare di Repubblica Futura, circa la remissione di querela ed il ritiro di Cassa di Risparmio da parte civile nel procedimento riguardante il Segretario di Stato Roberto Ciavatta ed il Consigliere di RETE Emanuele Santi.
Viste le notizie apparse sui mezzi di informazione nei giorni trascorsi

si interpella il Governo per sapere:

– se corrispondano al vero le notizie secondo le quali Cassa di Risparmio abbia dato mandato ai propri legali di ritirare querela, già depositata, nei confronti del Segretario di Stato Roberto Ciavatta ed il Consigliere di RETE Emanuele Santi;
– se e quali membri del Congresso di Stato si siano eventualmente astenuti in merito alla Delibera di individuazione dei nominativi del nuovo CdA di Cassa di Risparmio recentemente insediato;
– se e come, in base a quali criteri e a quali parametri, il Segretario di Stato alle Finanze o altro/i Segretari di Stato a ciò deputati abbiano individuato i nominativi dei membri da indicare nel nuovo CdA di Cassa di Risparmio recentemente insediato;
– se per l’individuazione di tali nominativi il Segretario di Stato alle Finanze o altro/i Segretari di Stato a ciò deputati abbiano avuto confronti, interlocuzioni e/o indicazioni di nominativi da parte del Consigliere di RETE Emanuele Santi;

si interpella altresì il Governo per sapere:

– quando sia stata assunta, e da parte di quali esponenti aziendali, la decisione di ritirare querela già depositata nei confronti del Segretario di Stato Roberto Ciavatta ed il Consigliere di RETE Emanuele Santi (si richiede copia di tutta la documentazione inerente il processo decisionale interno ed eventualmente esterno a Cassa di Risparmio);
– quali e quante riunioni del Consiglio di Amministrazione di Cassa di Risparmio si siano tenute dal giorno della sua nomina ad oggi;
– se la decisione di ritirare querela già depositata nei confronti del Segretario di Stato Roberto Ciavatta ed il Consigliere di RETE Emanuele Santi sia stata assunta all’unanimità da parte del CdA, in caso contrario con quanti voti, ed espressi da chi, essa sia stata assunta;
– se il Collegio sindacale, a tutela dell’interesse di Cassa, abbia espresso pareri in merito alla questione;
– se il Congresso di Stato, collegialmente o individualmente, da parte di uno o più dei suoi componenti, abbia concorso a determinare questa scelta, in qualità di socio, del Consiglio di Amministrazione;
– se il Congresso di Stato condivida la scelta fatta dal CdA di Cassa di Risparmio, se vi ravvisi una utilità per l’Istituto di Credito, se invece non venga ritenuta lesiva degli interessi della banca;
– se il Congresso di Stato non ravvisi un conflitto di interessi nella nomina di Amministratori che solo poche ore dopo la propria nomina compiono atti che vanno ad evidente vantaggio di un membro del Congresso di Stato;
– se il Congresso di Stato, in qualità di socio, non intenda esprimere un’opinione in merito alla decisione assunta dal CdA e dare mandato affinché essa sia rivista.

si interpella infine il Governo per sapere:

– se la decisione di rimuovere con urgenza il precedente CdA di Cassa di Risparmio, peraltro prima dell’approvazione della legge di assestamento di bilancio, in cui è contenuto il cosiddetto “provvedimento spoil system”, sia collegata alle decisioni assunte dal nuovo CdA di ritirare querela già depositata nei confronti del Segretario di Stato Roberto Ciavatta ed il Consigliere di RETE Emanuele Santi;
– se tale decisione sia stata valutata attentamente dal Congresso di Stato e se possa comportare rilevanti costi aggiuntivi per Cassa di Risparmio, relativi agli emolumenti da corrispondere fino al termine naturale del mandato, in base alla normativa vigente, ai membri del CdA rimossi, ed a quanto ammonti tale cifra.

Si richiede risposta scritta.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *