La Genga: il bilancio di un anno in cammino

La Genga non è solo camminate a piedi, ma anche tante iniziative sociali sempre all’insegna dell’amore e della scoperta della natura, della storia del territorio, nonché dell’impulso alle relazioni umane e dello star bene in compagnia.
Tutto questo è emerso nel corso dell’assemblea per l’approvazione del bilancio 2019, con la relazione del presidente Roberto Bucci. Infatti, il presidente si è soffermato con particolare calore sul ruolo che La Genga ha assunto nel contesto sammarinese. L’emergenza sanitaria ha fermato oltre alle camminate anche la campagna di tesseramento, ciò nonostante gli iscritti effettivi sono 235, un numero sostanzialmente invariato rispetto all’anno precedente, mentre è stato boom di adesioni sulla pagina Facebook, dove gli iscritti virtuali toccano ormai quota 700. Anche loro, seppure sporadicamente, partecipano alle escursioni.
I numeri: 447 chilometri percorsi (quasi la distanza da San Marino a Torino) per un totale di 1505 partecipanti e 36 appuntamenti. Tra questi, i classici: come l’Alba sul Monte, la Camminata della Memoria, M’illumino di meno, la notte di San Lorenzo e le uscite con gli studenti delle scuole medie inferiori. Due importanti gite fuori territorio: una per visitare la Camosciara, che è la parte più famosa e conosciuta del parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise; l’altra per esplorare a piedi il monte Catria, nelle Marche. E poi le serate conviviali per celebrare una ricorrenza o semplicemente per stare insieme, che diventano occasioni per coinvolgere anche i soci che non riescono più a partecipare alle escursioni.
Durante l’assemblea, il presidente Bucci ha anticipato anche il calendario dei prossimi mesi, durante i quali si spera di aver superato le restrizioni dovute al contenimento dei contagi e di poter riprendere appieno l’attività dell’associazione. Tra gli appuntamenti, l’organizzazione dell’iniziativa legata alla campagna “M’illumino di meno”, che si doveva tenere lo scorso marzo e che è stata annullata causa Covid. Il nuovo appuntamento si dovrebbe tenere a settembre, sempre in collaborazione con i Comuni di Verucchio e di Coriano e le rispettive associazioni escursionistiche, e con il patrocinio della Segreteria di Stato al Territorio. I tre gruppi di camminatori si dovranno incontrare al parco Ausa di Dogana, dove verrà messa a dimora una pianta per simboleggiare l’intento di tutti a dare il proprio contributo per ripopolare di verde il nostro mondo. A tempo opportuno, anche di questa iniziativa verranno fornite tutte le necessarie informazioni.

Articoli correlati

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *